Nicola Benussi, Leopardi e la danza. Intervistiamolo

Il 12 dicembre è andato in scena lo spettacolo teatro danza  “Random primo movimento K626” al Teatro Cristallo. Lo spettacolo basato sulla poesia di Giacomo Leopardi.

Sul palcoscenico proiezioni di immagini, Nicola Benussi narratore al centro della scena, davanti a lui  Stefania Bertola, Veronica Cortese e Irene Pampagnin danzano interpretando le poesie di Leopardi.

Racconti chi sei ai nostri lettori?

Sono Nicola Benussi direttore artistico della Compagnia teatroBlu. La nostra è una compagnia di teatro professionale che propone diverse attività: dalla produzione di spettacoli di teatro contemporaneo, alla ideazioni di progetti che riguardano la formazione del pubblico, conferenze-spettacolo su vari temi di cultura contemporanea, corsi di teatro. In più siamo residenti del teatro Cristallo e ne organizziamo la stagione teatrale e le attività culturali

Ci racconti dello spettacolo svolto lo scorso sabato?

Abbiamo debuttato con la nostra produzione “Random primo movimento 326”, lo spettacolo è una ricerca di teatro poetico e danza e abbiamo proposto un lavoro in cui veniva presentata l’opera poetica di Giacomo Leopardi. La ricerca di messa in scena è stata quella di ritrovare le linee di conduzione tra i movimenti delle  danzatrici e le la voce del attore che recita i versi di Leopardi.

Qual è l’idea della spettacolo ?

L’idea ha un percorso di ricerca che stiamo facendo sul teatro contemporaneo per sperimentare le possibilità di messa in scena del corpo fisico del danzatore in dinamica con l’interpretazione degli attori.

Perché le poesie di Leopardi?

Questo tipo di ricerca si deve basare su testi di alto valore poetico e letterario.

Se sicuramente  Leopardi, sia per la qualità delle parole che per la profondità dei contenuti, è uno dei poeti che maggiormente offrono la possibilità di ricerca e di approfondimenti.

Allen

 

 

Lascia un commento