RITMI, MELODIE E DENUNCIA SOCIALE: CAPAREZZA

Vi starete chiedendo quale sia il vero nome di Caparezza! Ebbene il cantautore, rapper e produttore discografico italiano in realtà si chiama Michele Salvemini.



Michele Salvemini cominciò a cantare da bambino. Studiò ragioneria presso l’istituto tecnico di Molfetta, sebbene volesse fare il fumettista. Ottenuto il diploma decise di occuparsi di pubblicità e vinse una borsa di studio per l’Accademia di Comunicazione di Milano, ma ben presto abbandonò il mondo pubblicitario per dedicarsi a tempo pieno alla musica.
Iniziò la sua carriera musicale con il nome d’arte Mikimix fino al 1998, quando si fece crescere capelli e pizzetto e cambiò il nome in Caparezza, che in dialetto molfettese significa “testa riccia” in riferimento alla sua riccia e vaporosa acconciatura.
Il singolo “Vieni a ballare in Puglia” diventato disco d’oro in Italia, denuncia il tema dei caduti sul lavoro, le cosiddette “morti bianche”, in particolare in Puglia. Oltre a questo gravissimo problema, la canzone tocca altri temi di attualità della regione, come gli incendi del Gargano del 2007, la grave situazione dell’inquinamento ambientale che affligge la città di Taranto e lo sfruttamento degli extracomunitari nei campi.

Il titolo della canzone “Vieni a ballare in Puglia” in realtà sarebbe “Vieni a morire in Puglia”.
Il singolo dell’anno scorso “Ti fa stare bene” denuncia, il modo in cui la società stia pian piano trasformando i bambini in piccoli adulti. Li vediamo colmi di impegni, privati del tempo necessario a godersi l’infanzia. Ultimamente i bambini vengono influenzati a prendere la vita come una lotta competitiva, a fare per anni ciò che fa stare male per stare bene in futuro.
Il brano “ La ghigliottina” ribadisce la situazione socio-politica Italiana: la maggioranza e l’opposizione non sono in grado di svolgere il proprio ruolo e le proteste del popolo non vengono ascoltate. Sono presenti molti riferimenti alla rivoluzione francese come la ghigliottina, al politico e rivoluzionario francese Danton, all’ideale della Libertè.
Caparezza è un cantante che prende spunto dalla vita reale, la cattura e la porta su carta, facendone testi di canzoni.

Mette in risalto molte tematiche dei giorni nostri e cerca così di sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi che ci circondano, per scopi benefici come ad esempio la ricostruzione dopo il terremoto dell’ Aquila o il problema delle risorse idriche.
E’ un artista ironico e divertente che però, non smette mai di sorprendere, mettendosi sempre in discussione. Caparezza ha oggi raggiunto l’apice del successo musicale e anche dal punto di vista della vita privata, ma, diversamente da molti altri artisti che non riescono a gestire la fama e si ubriacano di divismo, il nostro musicista sembra essere totalmente rimasto coi piedi per terra, sereno e appagato.

Shyness