SFIORATO IL DRAMMA IN CAMPEGGIO: LA VACANZA DI OCEANIA

Era una calda mattinata d’estate, il sole stava sorgendo, le valigie erano pronte per partire e anche tutta la mia famiglia e i nostri amici. Siamo sempre stati una famiglia molto unita a cui piace fare sempre nuove esperienze e quest’anno abbiamo deciso di andare in vacanza in tenda! Siamo tutti molto entusiasti e felici, pronti per una nuova avventura!

La macchina era piena, talmente piena che abbiamo fatto quasi fatica a chiudere il baule. Arrivati abbiamo riaperto il baule e tutto inaspettatamente sembrava cadere per terra, ma non ci importava niente perché in quel momento non eravamo altro che contenti di essere finalmente, dopo interminabili ore, arrivati al mare! Il tempo era bellissimo, il sole acceca quasi la nostra vista, faceva caldissimo e la fatica nel montare la tenda con questo caldo si sentiva davvero tanto. A forza di montare la tenda, gonfiare i materassini e martellare i picchetti per fissare a terra la grande tenda, avevamo finalmente finito. Eravamo soddisfatti del nostro lavoro ed è proprio vero, l’unione fa la forza! Sono ormai passati un paio di giorni e tutto stava procedendo per il verso giusto, il mare  cristallino, le risate tra gli amici non mancavano mai. Era un giorno come un altro, ci stavamo alzando, dopo una lunga giornata di relax, dallo sdraio, per tornare
in tenda a cambiarci e a vestirci eleganti per andare a vedere il grande e aspettato show di fine settimana, che spesso viene organizzato dagli animatori dei villaggi turistici. Ad un certo punto, inaspettatamente, incominciò a tirare un fortissimo vento, sembrava di essere in mezzo ad un forte vortice che, in pochissimi minuti, fece volare le sedie già pronte agli spettatori, il tetto del ristorante cadde, la musica si stoppò si sentivano soltanto le urla stridule delle persone che sembravano volessero fermare, anche per un solo momento, il tempo. Oltre al vento non poteva mancare una fortissima pioggia, la forza delle due incominciò a far cadere gli alberi sopra i camper e le tende, non ci sembrava vero. la paura era tantissima, sembrava di essere in un incubo da cui era impossibile svegliarsi! La nostra tenda per fortuna non è  caduta, ma appena abbiamo aperto la grande porta, un’ondata di acqua è  
 entrata dentro e in un nano secondo l’acqua arrivava alle caviglie, i vestiti erano tutti bagnati, non avevamo più niente da metterci! I telefoni galleggiavano, come delle barchette, e tra le lacrime date dallo spavento, riuscivamo ad intravvedere gli schermi del telefono che si accendevano, erano tutti i nostri amici che corsero subito in nostro soccorso! Fortunatamente nei giorni seguenti il sole è tornato a splendere più limpido di prima ed il caldo ci ha nuovamente accompagnato per tutti i giorni successivi. Oggi, per fortuna, questa esperienza è solo un vago ricordo, e nonostante quanto accaduto, avremo con noi il ricordo di una bellissima vacanza che porteremo per sempre nel nostro cuore.

Oceania